DiarioScuola Primaria

Consigli di lettura per bambini di 6 e 7 anni

By 20 Maggio 2020No Comments

Come il topo piglia il sasso sulla testa e scopre il mondo – di Etienne Delessert

Alla scuola primaria, insegnare a leggere e scrivere è sempre stata la tappa fondamentale del primo anno di scuola. Noi aggiungiamo che far nascere, coltivare, incrementare l’amore per la lettura lo è forse ancora di più.

«Se riesci a far innamorare i bambini di un libro, di due, di tre, cominceranno a pensare che leggere è un divertimento. Così, forse, da grandi diventeranno lettori. E leggere è uno dei piaceri e uno degli strumenti più grandi e importanti della vita.» diceva R. Dahl, famoso scrittore di romanzi per l’infanzia.

Oggi vogliamo sottoporre alla vostra attenzione uno dei libri che abitualmente leggiamo a scuola ai nostri bambini di prima o di seconda; si tratta di un testo molto semplice che ci permette di trarre il massimo dei benefici della lettura a voce alta. Si intitola: “COME IL TOPO PIGLIA IL SASSO SULLA TESTA E SCOPRE IL MONDO” (1971) scritto da Etienne Delessert.

La trama è molto semplice:

Il protagonista è un topino che ha sempre vissuto nella sua tana ignorando il resto. Ma un giorno un sasso gli cade in testa e il topo decide che è ora di esplorare il mondo. Prepara il suo zainetto (che è vuoto perché il topo non conosce niente) e parte. Intorno a lui è un’esplosione di colori, forme, sensazioni. Il cielo si anima, il sole, le nuvole, le stelle. I fiori e gli insetti gli vanno incontro. L’intero universo insomma è vivo e il topo, via via che il suo cammino procede, riempie il suo zainetto di cose, di pezzi di natura, di ricordi, di colori. Torna sì alla sua tana, ma non è più lo stesso, non vive più nel timore di tutto: sorride ed è pieno di nuove esperienze.

In classe, la lettura di questa breve storia fa vivere ai bambini mille emozioni, perché si immedesimano nel topino: hanno paura dei tuoni e del temporale, si stupiscono di fronte a qualcosa di meraviglioso, sentono i profumi e i rumori della natura, respirano l’odore di terra bagnata. Tutte queste sensazioni fanno riaffiorare in loro ricordi, situazioni e momenti in cui hanno vissuto quelle particolari emozioni. Con la guida dell’adulto, riflettono e riescono a dare un nome a ciò che hanno provato. Spesso per aiutarli con l’immaginazione, si drammatizza la storia: fanno a gara per impersonare il topino!

Un altro lavoro utile ed interessante che si svolge prendendo spunto dalla storia è finalizzato all’arricchimento del vocabolario. Frasi come “…si sente un lungo brontolio del tuono…” oppure “…respira a fondo quel delizioso odore di terra bagnata…” o ancora “…un profumo zuccherino punge le sue narici e lo fa starnutire…” aiutano a comprendere i primi rudimenti di descrizione, con l’acquisizione di parole nuove.

Nella storia il topino conosce attraverso i cinque sensi: ecco che allora viene utilizzata per introdurre l’argomento di scienze che prosegue con esperienze dirette in classe. Sperimentando l’utilizzo di un solo senso per volta, i bambini si rendono conto di quanto siano importanti questi canali per entrare in contatto con il mondo che li circonda. Infine, con l’aiuto della maestra d’inglese impariamo i nomi delle parti del corpo che ci permettono di vedere, ascoltare, odorare, gustare, toccare…

La lettura a voce alta di un libro è un piacere che porta numerosi vantaggi e risultati: sia a scuola sia a casa. Ricordo anche che ascoltare qualcuno che legge per noi a voce alta è un privilegio, dunque perché dovremmo privare i nostri bambini di questo privilegio?