EROGAZIONE LIBERALE

E’ possibile usufruire delle agevolazioni fiscali per chi dona alla scuola in quanto gestita da una cooperativa sociale (ETS):
per chi ha un’aliquota marginale Irpef inferiore al 30%.
Detrazione del 30 % dall’imposta a favore delle persone fisiche, per erogazioni liberali in denaro o in natura per un importo non superiore ad euro 30.000
per chi ha un’aliquota marginale Irpef superiore al 30%.
Deduzione del 10 % dall’imponibile a favore delle persone fisiche, degli Enti e delle Società per erogazioni liberali in denaro o in natura senza alcun limite. L’eventuale eccedenza non deducibile si può riportare nei quattro anni successivi.

SCHOOL BONUS

Lo School Bonus è un particolare regime fiscale agevolato offerto alle persone che decidono di fare donazioni alle scuole per migliorare le strutture e offrire nuove opportunità agli studenti.
È stato introdotto dalla legge sulla Buona Scuola e prevede che i donatori ottengano un credito d’imposta pari al 50% della somma donata nel 2018.
La scuola riceve il 90% del contributo versato, mentre il restante 10% verrà trattenuto dal Ministero dell’Istruzione che lo destinerà alle scuole che avranno ricevuto erogazioni per un importo inferiore alla media nazionale.
Le donazioni possono essere utilizzate dalla scuola in tre differenti modi, cui corrispondono dei codici identificativi:

  • realizzazione di nuove strutture scolastiche (codice identificativo C1)
  • manutenzione e potenziamento di scuole esistenti (codice identificativo C2)
  • interventi per migliorare l’occupabilità degli studenti (codice identificativo C3)

Su ogni donazione, il donatore riceve un credito di imposta pari al 50% per le donazioni effettuate nel 2018. Il credito viene suddiviso in 3 anni, con quote annuali di pari entità.

DONAZIONI EFFETTUATE

Esempio:

Decido di donare 300 euro nel 2018:
30 sono destinati al Ministero dell’Istruzione
270 vengono utilizzati dalla scuola

Io otterrò un credito d’imposta di  150 euro (pari al 50% della donazione 2018) suddiviso in tre anni in questo modo:

  1. 50 euro nel 2018
  2. 50 euro nel 2019
  3. 50 euro nel 2020